Cyber attacchi ai pc di casa raddoppiati: le responsabilità del lavoratore in smart working.

Lo smart working? Una porta d’ingresso agli attacchi informatici (che infatti sono cresciuti) e il Paese Italia non è tecnologicamente preparato a reggerlo. Lo sostiene Paul Renda, presidente dei Giovani Imprenditori di Assolombarda e amministratore delegato di Miller Group.

CONTINUA A LEGGERE

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo